Concessione patrocinio gratuito (Procedura AP019)

Concessione del patrocinio gratuito 

Modulo “Richiesta di concessione gratuita del patrocinio”

Il patrocinio gratuito dell’Istituto può essere richiesto per iniziative organizzate da terzi.

La concessione del patrocinio gratuito non comporta assunzione di alcun onere o il riconoscimento di contributi economici e/o servizi di supporto da parte dell’Istituto a favore dell’ente organizzatore dell’iniziativa patrocinata.

Può essere concesso in relazione ad un’iniziativa specifica o in relazione a gruppi di iniziative (esempio rassegne ecc.) ed ha validità esclusivamente per l’iniziativa specifica per la quale è stato richiesto, per le finalità e la durata dell’evento di riferimento.

La concessione del patrocinio gratuito non impegna finanziariamente l’Istituto e nel caso in cui sia concesso, deve essere utilizzato solo ed esclusivamente la dicitura “con il patrocinio gratuito dell’Istituto per lo studio, la prevenzione  e la rete oncologica (ISPRO)”, da apporre obbligatoriamente, in tutti gli strumenti di comunicazione e promozione relativi alla sola iniziativa patrocinata, tenuto conto delle modalità di riproduzione (editing, font carattere ecc.) regolamentate nel  Manuale di Corporate Identity dell’Istituto.

La concessione del patrocinio gratuito non conferisce quindi diritto, né aspettativa di continuità per altre iniziative proposte dallo stesso soggetto che richiede di patrocinare l’iniziativa, anche qualora la stessa si ripeta periodicamente.

Per ogni iniziativa per la quale si richiede il patrocinio gratuito dell’Istituto, è necessario presentare specifica richiesta, secondo il modulo allegato alla presente Procedura.

Soggetti che possono presentare richiesta di concessione del patrocinio gratuito

Il patrocinio gratuito può essere concesso alle iniziative organizzate da soggetti terzi, meritevoli di ricevere in concessione il patrocinio gratuito medesimo, perché promotori di eventi che abbiano finalità sanitaria, scientifica, sociale, culturale, sportiva, celebrativa, e comunque in linea con i valori, principi etici, attività istituzionalmente svolte e mission dell’Istituto.

I soggetti che possono presentare richiesta di patrocinio gratuito, sono dunque:

  • enti locali, enti pubblici e aziende pubbliche che svolgono attività di interesse e di servizi alla persona;
  • soggetti di natura associativa (esempio enti, istituzioni, associazioni, comitati, fondazioni e altre organizzazioni e organismi assimilabili alle precedenti fattispecie a carattere sociale, scientifico, culturale, sportivo) che per disposizione statutaria, natura giuridica, o come deducibile dalle attività svolte, operano senza fini di lucro;
  • altri enti di particolare rilevanza che svolgono attività attinenti alle competenze e l’ambito di intervento dell’Istituto;
  • soggetti di diritto pubblico e privato che organizzano manifestazioni, eventi, iniziative attinenti agli ambiti e settori di intervento dell’Istituto, (esempio nell’area sanitaria e di ricerca scientifica) e di particolare rilevanza territoriale;
  • università, istituzioni culturali e scientifiche, scuole del territorio di competenza dell’Istituto;
  • le società, di capitali o di persone, per iniziative di tipo divulgativo, senza finalità di lucro;
  • le società a scopo di lucro, solo per iniziative di particolare rilevanza e di carattere benefico, sociale, scientifico, culturale o umanitario.

Tipologie di iniziative per le quali può essere concesso il patrocinio gratuito

Il patrocinio gratuito dell’Istituto può essere concesso per le seguenti tipologie di iniziative che, in alcun modo, non devono recare danno o pregiudizio all’immagine interna ed esterna dell’Istituto:

  • manifestazioni culturali, scientifiche, educative, sportive, sociali a carattere territoriale;
  • convegni, congressi, iniziative formative e di studio, di ricerca e documentazione attinenti ad attività culturali, scientifiche, educative, sportive e sociali, in linea con le attività di competenza dell’Istituto;
  • per la produzione di materiali editoriali (testi, locandine, poster, video ecc.).

Le iniziative per le quali si richiede il patrocinio gratuito, devono presentare alcuni requisiti specifici:

  • apportare un contributo scientifico, informativo, educativo a vantaggio della crescita e valorizzazione della comunità, del territorio e dell’immagine dell’Istituto;
  • devono risultare in linea e coerenti con gli obiettivi, le attività, i valori e la mission istituzionali.

Il patrocinio gratuito non può essere concesso per iniziative:

  • promosse da soggetti che non rispondono alle caratteristiche definite dalla presente procedura;
  • promosse da partiti, movimenti politici e da soggetti ad essi riconducibili;
  • delle quali si ravvisi un potenziale conflitto di interessi tra il richiedente il patrocinio gratuito e gli obiettivi strategici e generali dell’Istituto.

Modalità di richiesta per concessione del patrocinio gratuito

La richiesta indirizzata al Direttore Generale ISPRO deve essere effettuata compilando, in tutte le parti e in modo leggibile, l’apposito modulo per la richiesta del patrocinio gratuito.

La richiesta deve essere trasmessa per posta elettronica certificata ispo@postacert.toscana.it (oppure inviata per posta ordinaria all’Ufficio Protocollo ISPRO - Villa delle Rose (Via Cosimo il Vecchio, 2 – 50139 Firenze), almeno 30 giorni prima della data prevista per la realizzazione dell’iniziativa per la quale si richiede il patrocinio gratuito.

Il personale addetto al protocollo, ricevuta la richiesta, la inoltra all’Ufficio dedicato per una prima verifica dei requisiti formali e in particolare della natura e finalità dell’iniziativa.

Il personale dell’Ufficio dedicato sottopone la richiesta alla Direzione Generale per opportuna valutazione ed autorizzazione alla concessione, e successivamente comunica al richiedente l’esito della procedura.

Una volta accordata la concessione del patrocinio gratuito, le bozze del materiale informativo e dei prodotti editoriali che verranno realizzati per l’iniziativa patrocinata, dovranno essere inviate, prima della stampa o comunque della divulgazione, all’Ufficio dedicato dell’Istituto tramite il seguente indirizzo e-mail (b.mengoni@ispo.toscana.it) per un’opportuna verifica della dicitura “con il patrocinio gratuito dell’Istituto per lo studio, la prevenzione  e la rete oncologica (ISPRO)”, in accordo con il Manuale di Corporate Identity dell’Istituto.

La procedura di concessione di patrocinio gratuito si ritiene pertanto perfezionata e conclusa solo con il formale riscontro positivo conseguente a quest’ultima verifica.

La concessione del patrocinio gratuito comporta l’onere, per il soggetto beneficiario e richiedente, di renderlo visibile e ben chiaro in tutte le forme di diffusione e pubblicazione dell’iniziativa.

Revoca della concessione del patrocinio gratuito

L’Istituto, può in qualsiasi momento, revocare la concessione del patrocinio gratuito tramite comunicazione formale del Direttore Generale di ISPRO, indirizzata al rappresentante legale del soggetto proponente o da chi ne è autorizzato/delegato:

  • in caso di inosservanza di quanto espressamente indicato nella presente Procedura e dalle condizioni stabilite durante l’atto di concessione;
  • in caso di utilizzo improprio e/o utilizzo in modi e per fini diversi da quelli autorizzati della dicitura “con il patrocinio gratuito dell’Istituto per lo studio, la prevenzione  e la rete oncologica (ISPRO)”;
  • in caso di svolgimento dell’iniziativa, in contrasto per obiettivi, finalità, contenuti in contrasto o lesivi dell’immagine dell’Istituto stesso.

L’Istituto si riserva di chiedere il risarcimento di ogni danno subito, o di intraprendere eventuali azioni legali, per l’effetto dell’uso indebito e improprio del patrocinio gratuito concesso, qualora tale abuso rechi un danno, anche reputazionale, all’immagine dell’Istituto medesimo.