Laboratorio Regionale di Prevenzione Oncologica

Mission del Laboratorio Regionale di Prevenzione Oncologica di ISPRO:

Esami e test di Laboratorio per l’individuazione precoce dei tumori, la valutazione di fattori prognostici e predittivi di risposta alla terapia nei tumori solidi:  citologia vaginale ed extra-vaginale, test di biologia molecolare e genetica, test biochimici ed immunocitochimici.

Il Laboratorio  effettua  esami che provengono dalle Aziende ASL di  tutta la Regione Toscana (ASL  Toscana Centro, ASL Toscana Sud-est e ASL Toscana  Nord-ovest), dai Presidi Ospedalieri dell’ASL Toscana Centro, dall’Azienda  Ospedaliera Careggi e su accesso diretto di  pazienti esterni con richiesta del medico curante o specialista.

Il Laboratorio, per le attività legate al ruolo regionale assunto nel processo di centralizzazione degli esami effettuati per la prevenzione  del carcinoma  della cervice uterina, ha un bacino di utenza di circa 850.000 donne di età 34-64 anni e rappresenta il  più grande Laboratorio di Prevenzione Oncologica sul territorio italiano per il numero di Test HPV di screening  e Pap test di triage effettuati.

Sempre nell’ambito dello screening per il carcinoma della cervice,  effettua la lettura  dei Pap test per  tutta la ASL Toscana  Centro (Firenze, Prato, Empoli e Pistoia) e per alcune aree territoriali della ASL Sud-est e della ASL Nord Ovest (Grosseto e Livorno).

La programmazione capillare in sinergia con tutte le aziende sanitarie Toscane consente di avere tempi di risposta  in linea con quanto previsto dagli indicatori nazionali per lo screening (< 21 giorni).

Oltre agli esami di screening, è presente il settore dedicato alla lettura dei preparati  di citologia extravaginale (polmonare, urinaria, mammaria, tiroidea, testa-collo ed anale) e di citoassistenza al prelievo anche sotto guida Tac e il settore di immunocitochimica.

Alla struttura afferiscono anche gli esami di laboratorio per lo screening del colon-retto (FOBT) dei residenti nel territorio della ex ASL 10 Firenze con un bacino di utenza di circa 350.000 persone  tra i 50-70 anni residenti.

Il settore di biologia molecolare è principalmente impegnato nella identificazione di marcatori di progressione neoplastica e di valutazione del rischio a livello individuale, nella valutazione di fattori prognostici per la risposta alla  terapia,  nella genotipizzazione del virus HPV su campioni biologici di  vari organi e apparati per i tumori extra-cervicali HPV-correlati (vaginali, anali, oro-faringei ecc.).  

Il Laboratorio collabora con strutture nazionali e internazionali per la standardizzazione dei metodi molecolari e  per la pianificazione e  applicazione dei controlli di qualità  interni ed esterni in tutte le fasi del processo di laboratorio e per ciascuna tipologia di esame.

Gestisce la crioconservazione del materiale biologico con un sistema di controllo a distanza delle temperature h24.

Accanto a questa attività di servizio il laboratorio regionale di prevenzione oncologica svolge una intensa attività di ricerca applicata alla diagnosi precoce dei tumori , alla  individuazione e valutazione di nuovi test per lo screening (per il tumore del polmone, prostata, cervice e colon)  allo studio di modificazioni del DNA in relazione a stili di vita ed ambiente di lavoro. Consulta Studi in Corso

Per saperne di più:

Il Test HPV nello screening: il protocollo in breve

Le 100 domande su HPV

Le sigle dello screening

Lo screening nelle donne vaccinate: Documento di consenso GISCI, 2016